Nilde Iotti
 
Dobbiamo rendere più umani i tempi del lavoro, gli orari delle città, il ritmo della vita. Dobbiamo far entrare nella politica l'esperienza quotidiana della vita, le piccole cose dell'esistenza, costringendo tutti - uomini politici, ministri, economisti, amministratori locali - a fare finalmente i conti con la vita concreta dalle donne.
   

I giardini di Pesaro in Via Colombo intitolati a Nilde Iotti

Cerimonia sabato 11 luglio alle 18.30 con Ettore Rosato e Livia Turco.

 

Il programma.


&


Da Nilde Iotti ad oggi. Donne e spazio politico

Se ne parla a Pesaro l'11 luglio con Livia Turco, 


&


Servizio civile e impegno civico. Intervista a Livia Turco

"Mi piacerebbe ci fosse un passaggio di concezione sul ruolo del Servizio Civile che ne sancisca la funzione determinante per lo sviluppo della vita democratica di un Paese"


&


Donne alla guida di un nuovo modello economico e sociale, di Grazia Labate

Abbiamo tanto alle spalle che costituisce il nostro tesoretto da spendere per costruire qui ed ora un modello di sviluppo economico- sociale, in cui i nostri valori di genere siano i capisaldi di una rinascita a dimensione umana: “la coscienza del limite, il valore dei tempi di vita, la democrazia della cura, il valore delle relazioni umane, il prendersi cura delle persone come ingrediente della democrazia e della cittadinanza, il valore della convivenza tra culture diverse, come ha detto Livia Turco”.


&


Nilde Iotti spiegata ai giovani

Venerdì 26 giugno diretta facebook con Livia Turco e Paola Cianci su Esseblog.


&


Il 20 giugno 1979 Nilde Iotti veniva nominata presidente della Camera

“Grazie Nilde, ci hai insegnato ad avere sempre nella mente e nel cuore il Vangelo della Costituzione.In nome dei valori costituzionali oggi ci sentiamo impegnate a curare la nostra società ferita mettendo in campo tutta la forza delle donne.In nome dei valori costituzionali vogliamo e dobbiamo creare un onda d'urto della forza femminile per una società più umana e più giusta”. (Livia Turco).


&


L’onda d’urto delle donne, di Livia Turco

Abbiamo una cassetta degli attrezzi in cui filoni del femminismo e di diversi pensieri femminili hanno elaborato categorie politiche: la coscienza del limite, il valore dei tempi di vita, la democrazia della cura, il valore delle relazioni umane, il prendersi cura delle persone come ingrediente della democrazia e della cittadinanza, il valore della convivenza tra culture diverse.


&


Andrea Catizone intervista Luisa Lama

Luisa Lama racconta Nilde Iotti nella seconda edizione del suo libro Nilde Iotti, “Una storia politica femminile”.


&


La forza delle donne per ricostruire l'Europa, di Alessia Centioni

Oggi, sull’orlo di una recessione gravissima, sappiamo che quelle disuguaglianze sono destinate ad aumentare. Sarà colpito in modo violento chi svolge lavori precari e percepisce salari più bassi; in entrambi i casi la maggioranza di loro sono donne lavoratrici. Cosa significa, in concreto, la perdita del lavoro per milioni di donne in tutta Europa?


&


Politica della cura o cura della politica? di Letizia Paolozzi 

La cura non è una bacchetta magica, dispensatrice di gesti altruistici, buoni, generosi. D’altronde, nel nuovo femminismo degli anni Settanta, circolavano forti sospetti. Badate alle pretese che indirizzate a un solo sesso, il nostro! Maneggiate con attenzione quel termine che gronda dedizione-oblatività, peraltro da offrire gratuitamente sull’altare della famiglia, figli, delle creature vulnerabili. Non impegnatevi per amore, senza niente in cambio.


&


“Il Dopo”, il virus che ci ha costretto a cambiare mappa mentale, recensione di Grazia Labate

E' il titolo dell'ultimo libro di Ilaria Capua. Secondo la scienziata la comparsa di questo coronavirus (Sars-CoV-2) si può considerare come uno “stress test” in grado di misurare la fragilità del nostro sistema. La vita cambia e ci cambia. Non siamo staticamente sempre le stesse persone.


&


Covid. Nel mondo 6,6 milioni di contagi e più di 390 mila morti. Si potrà evitare la seconda ondata? di Grazia Labate

Al momento ciò che sappiamo è che testare, tracciare, trattare è l’unica vera arma a nostra disposizione oltre che le regole che abbiamo finora imparato: mascherina, distanza di sicurezza, igiene delle mani. Il nostro personale medico e sanitario ha imparato anche a trattare con terapie singole ed associate in tempo utile, la malattia per non finire tutti in terapia intensiva e per nostra fortuna siamo ad un trend che fa ben sperare


&


Livia Turco: “Ripartiamo dalle donne per ricostruire il Paese”

Così la presidente della Fondazione Nilde Iotti in occasione della Festa della Repubblica. "Dai sacrifici della Resistenza al ruolo primario nella nascita della Repubblica, l'impegno delle donne è sempre stato fondamentale per la storia di questo Paese, anche se ancora irresponsabilmente sottovalutato e calpestato nella mancanza dei diritti e di pari opportunità nel lavoro e nella società".


&


Il 2 giugno e le Madri Costituenti, di Andrea Catizone

Era il 2 giugno del 1946 quando le italiane, per la prima volta, e gli italiani vennero chiamati alle urne in seguito all’indizione del referendum per determinare la forma di Stato da dare all’Italia dopo la fine della seconda guerra mondiale. 


&


Un fiore in omaggio delle nostre Madri Costituenti

Grazie di cuore a Carla Nespolo Presidente dell'Anpi per avere promosso questa iniziativa così bella che ha coinvolto tutta l'Italia. 


&


Il 5 giugno la Cgil di Pesaro e Urbino per il centenario di Nilde Iotti

Convegno in diretta facebook promosso dalla Cgil della provincia marchigiana e dalla Fondazione Nilde Iotti.


&


I tempi delle città. Una ripresa di riflessione, di Donata Gottardi

Il tempo è una delle dimensioni basilari del lavoro, al centro dei principi costituzionali, fonte di determinazione delle retribuzioni nella contrattazione collettiva, punto di snodo degli strumenti per la conciliazione tra vita professionale, vita familiare e vita personale. In tutte queste prospettive, il tempo tuttavia quasi sempre finisce per corrispondere a orario di lavoro nel rapporto di lavoro subordinato, senza occuparsi della realtà sociale in senso ampio.


&


Politica e cittadinanza. Donne socialiste in Italia tra Ottocento e Novecento

Il libro di Fiorenza Taricone approfondisce aspetti della presenza femminile socialista in Italia ancora poco trattati dalla storiografia; già dalla fine dell’Ottocento il movimento delle donne nel partito e nell’associazionismo era molto vivace e anche originale nelle sue esplicazioni, ma sostanzialmente ignorato per lungo tempo dalla storia politica. 


&


Grazie alle nostre Madri Costituenti, di Francesca Russo

Insieme alle altre venti donne elette all’Assemblea costituente, la Mattei rappresentò la novità dell’Italia repubblicana e democratica. Le Madri Costituenti lavorarono con intensità, con coraggio, con atteggiamento costruttivo e senso di coesione alla stesura e all’approvazione della nostra Costituzione. Il loro contributo fu determinante per affermare il principio egualitario e paritario negli articoli


&


“Vogliamo un futuro per la nostra salute”. L'appello di “Prima la Comunità”

L’appello è rivolto alle istituzioni perché predispongano reali organismi di partecipazione e ai cittadini perché esercitino la responsabilità in modo attivo, nella convinzione che al centro della cura c’è la persona e che la salute è un bene comune, fondamentale e garantito dalla Costituzione. 

“L’Italia delle donne. Settant’anni di lotte e di conquiste”. Un'opera collettiva da consegnare alle giovani generazioni di Vittoria Franco

Considero quest’opera collettiva un dono da consegnare alle giovani generazioni, donne e uomini. Dentro non c’è soltanto la storia delle donne più o meno remota; ci sono le donne contemporanee che hanno fatto la storia recente, protagoniste e testimoni, che vogliono preservare i valori fondamentali della convivenza civile, salvaguardare i diritti conquistati e i passi avanti realizzati, premessa indispensabile per realizzarne di nuovi...


Grazie alle nostre Madri Costituenti

Molto poco sono conosciute le Nostre Madri Costituenti ed il prezioso lavoro svolto nella stesura della Costituzione e per la sua applicazione.
La Fondazione Nilde Iotti ha dedicato molto impegno per promuovere la loro conoscenza ed il valore e l'attualità del loro messaggio.
Trovate qui sul sito materiali preziosi e l'indicazione dei due libri da noi elaborati.
I due video realizzati da Elena Luviso che qui vi proponiamo aiutano a diffondere la conoscenza ed il messaggio delle 21 Costituenti con la modernità della comunicazione.Che avvicina in particolare ai giovani.
Buona visione.


Le Donne e le nuove sfide della democrazia. Video

Un bellissimo ricordo di una giornata passata insieme!
La raccolta delle reòazioni che si sono svolte nel convegno.


Grazie a tutte e tutti!


Donne, terra, alimentazione, clima

Il materiale e i video degli interventi dell'incontro "Pane Quotidiano" organizzato dalla Fondazione Nilde Iotti a Roma all'Auditorium G. Avolio il 2 marzo 2017

Il materiale degli interventi dell'incontro "L'agricoltura delle donne. Per una nuova idea di crescita" organizzato dalla Fondazione Nilde Iotti al centro congressi di Eataly, 11 aprile 2013

Report: "Le donne in agricoltura"

Video: "Risparmiare il suolo" (L'esperienza di Matilde Casa)


Il sorriso di Giglia. Il video integrale del connvego. I messaggi di Fassino e Veltroni. L'ìintervento di Marisa Rodano
Ricordo di Giglia Tedesco a dieci anni dalla morte. L'incontro si è svolto a Roma giovedì 16 novembre.   Leggi il programma del covegno promoso dalla Fondazione Nilde Iotti     Il video del convegno da Radio Radicale
Le madri della Repubblica
La storia delle 21 donne che hanno scritto la Carta Costituzionale

La Fondazione Nilde Iotti  in occasione del Settantesimo anniversario del voto alle donne  vuole rendere onore alle Madri della nostra Repubblica, le 21 donne Costituenti  che hanno partecipato alla elaborazione della Costituzione, facendo conoscere di ciascuna  la biografia ed il contributo dato alla stesura degli articoli della Costituzione.


La bella politica

Tratto dal libro della Fondazione Nilde Iotti "Le leggi delle Donne che hanno cambiato l'Italia". Il video è promosso dalla Provincia di Perugia in collaborazione con la Fondazione Nilde Iotti. Progetto e testo di Lorena Pesaresi. Voce fuori campo di Isabella Giovagnoni Si ringrazia la Promovideo che ha realizzato il video a titolo gratuito.


Sedici anni senza Nilde Iotti

Sedici anni fa ci lasciava Nilde Iotti. Ho ancora vivissimo negli occhi il ricordo delle migliaia di persone, donne e uomini semplici , autorità e rappresentanti  di tutte le forze politiche, che vennero a salutarla in quella che è stata la sua vera casa: il Parlamento. Donne e uomini che piangevano l’autorevole Presidente della Camera, la Presidente di tutti, ma anche la compagna, l’amica delle donne,l’amica delle persone semplici.


Diario di un viaggio

I primi cinque anni della Fondazione Nilde Iotti nel filmato di Emanuela Piovano.


Nilde. Un ritratto appassionato di un grande giornalista
che l'ha conosciuta da vicino
Una biografia inedita, in esclusiva per il sito della Fondazione Iotti, scritta da Giorgio Frasca Polara, il giornalista de l'Unità che l'ha conosciuta molto bene e che ne è stato il portavoce durante la sua presidenza della Camera.
Omaggio a Nilde Iotti

Video omaggio a Nilde Iotti in occasione della nascita della Fondazione Nilde Iotti a Piacenza


FONDAZIONE NILDE IOTTI

Via Flaminia 53 (sesto piano)
00196 - Roma
email: info@fondazionenildeiotti.it
telefono: +39.06.86.20.57.85