Home | La Fondazione | Pubblicazioni | Rete delle Donne del Mondo | Rassegna stampa | Archivio Nilde Iotti  
   
   
 
 

Anastasiya e il suo violino per la voce di Bocelli
da stranierinitalia.it del 21 Febbraio 2013


La giovane Petryshak collabora con il grande tenore italiano e sabato scorso l’ha accompagnato sul palco di Sanremo. Dall’Ucraina all’Italia, perché “questo è il Paese della Musica”.

Sabato scorso, ad accompagnare sul palco di Sanremo Andrea Bocelli mentre intonava "Quizàs, quizàs, quizàs!" c’era la giovane e bellissima violinista ucraina Anastasiya Petryshak.


Con i suoi 18 anni e il suo magico violino Anastasiya ha stregato tutti. È nata nel 1994 in una città chiamata Ivano-Frankivsk, dove ha iniziato i suoi primi studi musicali, come racconta a Gazetaukrainska.com, il portale degli Ucraini in Italia.

“La mia passione è nata prima con il pianoforte, all’età di 5 anni, poi ho scoperto il violino  e me ne innamoro. Un giorno passeggiando per il centro della mia città ho visto un violinista che suonava per strada circondato da persone che lo ascoltavano. Ero rimasta affascinata da quel suono che assomigliava tanto alla voce umana, uno strumento in un certo senso piccolo, minuzioso e in un altro infinitamente grande e maestoso”.

“Il giorno successivo – ricorda Anastasiya -  dopo aver ripetuto migliaia e migliaia di volte la parola “ violino ”, mia mamma si è rassegnata e mi ha portata alla scuola di musica”. Ero già abbastanza grande per iniziare a studiare questo strumento, avevo 8 anni; però dopo avermi fatto superare alcune prove, la Maestra ha deciso di farmi lezione fin da subito. Questa signora è stata la mia fortuna, è stata la prima a farmi conoscere ed amare la musica. Il suo nome è Marta Kalynchuk”.

Nel 2005, i suoi studi di violino l’hanno portata in Italia. Per lei, come per tanti altri compagni di scuola, questo è il Paese della Musica e della Cultura. “Qui sono nati i più grandi e più importanti compositori ed esecutori di tutti i secoli, come Vivaldi, Paganini, Verdi, Puccini, Rossini…e che ha accolto tanti altri musicisti di altre nazionalità.

“Avevo il sogno di poter studiare in una delle città di questo Paese. Grazie ai miei genitori sono riuscita a realizzarlo studiando prima a Bologna, poi a Parma, Cremona, Imola, Gubbio e  Siena”.

Dopo gli studi e gli corsi di perfezionamento, Anastasiya ha tenuto numerosi concerti-recital come solista nei teatri e nelle sale concertistiche più prestigiose. Da qualche anno è iniziata anche la collaborazione con Andrea Bocelli, che l’ha portata anche sul palco dell’Ariston.

La talentuosa ragazza ha tanti interessi, “ma  credo che ognuno di questi, anche i più lontani, mi avvicinano alla musica. Amo leggere, è importante farlo per un musicista perché ha bisogno della fantasia sempre accesa e di un’immaginazione sviluppata. Amo la natura, ammiro la forza nella sua semplicità; mi piace il mare, la musica delle onde,adoro viaggiare, scoprire posti nuovi, conoscere persone...  E tutto questo mi arricchisce come persona e mi fa capire quello che ci circonda per cercare di descriverlo con la musica” .

Dopo l’esibizione a Sanremo, è stata sommersa dai messaggi dei suoi ammiratori su Facebook, tanto che ha creato una pagina per i fan. “Grazie a tutti siete carinissimi! Purtroppo non riesco a rispondere a tutti,  ma apprezzo molto le parole e il pensiero che avete avuto nei miei confronti. Un abbraccio grande!”.

 


Rassegna stampa
   
Contatti
 

Fondazione Nilde Iotti
Via Flaminia 53 (sesto piano)
00196 -  Roma
email: info@fondazionenildeiotti.it
IBAN: IT24A0335901600100000106337
Segreteria organizzativa:
lunedì, mercoledì, venerdì dalle 10.00 alle 14.30
telefono: +39.06.86.20.57.85
Cell. +39.366.41.37.546

   
 
   
  La Fondazione
Pubblicazioni
Iniziative
Formazione
Rassegna stampa Fondazione Nilde Iotti

www.fondazionenildeiotti.it
info@fondazionenildeiotti.it