Home | La Fondazione | Pubblicazioni | Rete delle Donne del Mondo | Rassegna stampa | Archivio Nilde Iotti  
   
   
 
 
Global Burden of Disease 2017: un'analisi sistematica di un mondo fragile e frammentato 
di Grazia Labate


Per ”impatto globale delle patologie” si intende una valutazione dell’effetto che patologie, infortuni e fattori di rischio hanno sulla popolazione mondiale, confrontandone anche l’andamento in differenti ambiti geografici e sociali. La lettura dei risultati di GBD 2018 pubblicati su Lancetmostra invece i tassi di mortalità in ristagno su un background di progressi incerti e irregolari, epidemie che definiscono l'attuale epoca e drammatiche carenze di operatori sanitari. Ma il GBD è anche un incoraggiamento a pensare in modo diverso in questo momento di crisi.



Con il termine Global Burden of Disease (GBD), traducibile – anche se in una maniera che non ne conserva la pienezza del significato inglese – in ”impatto globale delle patologie” si intende una valutazione dell’effetto che patologie, infortuni e fattori di rischio hanno sulla popolazione mondiale, confrontandone anche l’andamento in differenti ambiti geografici e sociali. L’obiettivo è fornire importanti e dettagliate informazioni a chi deve prendere decisioni di politica sanitaria.
 
Da quando The Lancet ha pubblicato il primo Global Burden of Disease Study (GBD) oltre 10 anni fa, ogni nuova iterazione ha portato miglioramenti nella qualità e quantità dei dati. Con l'affinamento di queste stime è arrivato un messaggio rassicurante: anno dopo anno, hanno ritratto un mondo sempre più sano.

L'attenta lettura dei risultati di GBD 2018 infrange questa confortante tendenza al miglioramento graduale e mostra invece i tassi di mortalità in ristagno su un background di progressi incerti e irregolari, epidemie che definiscono l'attuale epoca e drammatiche carenze di operatori sanitari. Invece degli aggiornamenti sui progressi a cui siamo abituati, GBD 2018 è un segnale di allarme urgente da un mondo fragile e frammentato.

Nel 2017, i tassi di mortalità per adulti a livello globale si sono ridotti e, in alcuni casi, i tassi di mortalità sono aumentati. In modo allarmante, conflitti e terrorismo sono diventati due delle cause di morte a più rapida crescita a livello globale (in aumento del 118% tra il 2007 e il 2017). Accanto a questa allarmante crescita della violenza, la nostra era è caratterizzata da epidemie come dipendenza da oppioidi, malattie non trasmissibili, depressione e febbre dengue.

La dipendenza da oppioidi è cresciuta fino a raggiungere livelli senza precedenti, con 4 milioni di nuovi casi nel 2017 e 110.000 morti. Le malattie non trasmissibili hanno rappresentato il 73% di tutti i decessi a livello mondiale nel 2017, con oltre la metà di tutti i decessi (28,8 milioni) attribuibili a soli quattro fattori di rischio: ipertensione, fumo, glicemia alta e indice di massa corporea elevata.

La prevalenza dell'obesità è aumentata in quasi tutti i paesi del mondo, provocando oltre un milione di morti per diabete di tipo 2, mezzo milione di decessi per malattia renale cronica legata al diabete e 180.000 decessi correlati a steatoepatite non alcolica.
 
Nel 2017, i disturbi depressivi sono stati la terza causa principale di anni vissuti con disabilità dopo lombalgia e disturbi di cefalea, e le morti per febbre dengue, una malattia spesso associata a sviluppo e urbanizzazione in difficoltà, sono aumentate sostanzialmente nella maggior parte dei paesi tropicali e subtropicali, passando da 24 500 morti nel mondo nel 2007 a 40 500 nel 2017.

La disaggregazione sessuale specifica dei dati nella GBD 2017 rivela aree in cui gli aspetti di genere della salute - troppo spesso trascurati - possono essere interpretati. Le stime mostrano che sostanziali differenze di salute per uomini e donne che sono alla base delle cifre complessive sono ancora pervasive. Mentre le morti tra gli uomini adulti sono stagnanti in molte parti del mondo e, in alcune aree, la mortalità è aumentata, le donne vivono più a lungo ma con più anni in cattive condizioni di salute. 

È interessante notare che le più grandi differenze sessuali nei risultati - disturbi da uso di sostanze, lesioni da trasporto e autolesionismo e violenza interpersonale - sono guidate socialmente, suggerendo che sono necessarie più attenzione e azione.

Per la prima volta nella storia del GBD sono state incluse le stime sulla densità degli operatori sanitari. Questi mostrano che la carenza globale e la distribuzione ineguale degli operatori sanitari richiedono un'attenzione urgente per non compromettere il raggiungimento degli Obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG). Gli autori stimano che solo la metà di tutti i paesi aveva gli operatori sanitari necessari per fornire assistenza sanitaria di qualità (valutata a 30 medici, 100 infermiere o ostetriche e cinque farmacisti su 10.000 persone). Sebbene molti paesi europei dispongano di personale sanitario dotato di risorse molto elevate, si stima che i paesi dell'Africa subsahariana, del sud-est asiatico, dell'Asia meridionale e di alcuni paesi dell'Oceania abbiano le maggiori carenze.

In modo determinante, la GBD 2018 stima che nessun paese sia sulla buona strada per soddisfare tutti gli SDG relativi all'OMS entro il 2030. La mortalità sotto i cinque anni, la mortalità neonatale, la mortalità materna e gli indicatori di malaria hanno la maggior parte dei paesi con almeno il 95% di probabilità di successo.
 
Tuttavia, per molti altri obiettivi, tra cui la malnutrizione infantile e gli obiettivi di riduzione della violenza, nessun paese al mondo ha raggiunto il livello di cambiamento richiesto per raggiungere questi obiettivi. Global Burden Desease 2018 è inquietante. 

Non solo le cifre globali amalgamate mostrano un preoccupante rallentamento in corso, ma i dati più specifici rivelano esattamente quanto sono stati chiari i progressi ma quanto al tempo stesso vulnerabili.
 
GBD 2018 ricorda che, senza vigilanza e sforzo costante, i progressi possono essere facilmente invertiti. Ma il GBD è anche un incoraggiamento a pensare in modo diverso in questo momento di crisi. Con la catalogazione delle disuguaglianze nell'erogazione dell'assistenza sanitaria e dei modelli di geografia delle malattie, questa iterazione del GBD rappresenta un'opportunità per allontanarsi dall'applicazione generica di Assistenza sanitaria universale e dirigersi verso un approccio di precisione più personalizzato. 
 
Il GBD 2018 dovrebbe essere una scossa elettrica, galvanizzare i governi nazionali e le agenzie internazionali non solo per raddoppiare i loro sforzi per evitare l'imminente perdita di guadagni conquistati, ma anche per adottare un nuovo approccio alle crescenti minacce.
 
Grazia Labate 
Ricercatore in economia sanitaria già sottosegretaria alla sanità

 

da Quotidiano Sanità

 
Rassegna stampa
   
Contatti
 

Fondazione Nilde Iotti
Via Flaminia 53 (sesto piano)
00196 -  Roma
email: info@fondazionenildeiotti.it
IBAN: IT24A0335901600100000106337
Segreteria organizzativa:
lunedì, mercoledì, venerdì dalle 10.00 alle 14.30
telefono: +39.06.86.20.57.85
Cell. +39.366.41.37.546

   
 
   
  La Fondazione
Pubblicazioni
Iniziative
Formazione
Rassegna stampa Fondazione Nilde Iotti

www.fondazionenildeiotti.it
info@fondazionenildeiotti.it