Home | La Fondazione | Pubblicazioni | Rete delle Donne del Mondo | Rassegna stampa | Archivio Nilde Iotti  
   
   
 
 

Bianca Bianchi



di Elena Marinucci



Per la terza volta  le donne italiane esercitavano i conquistati  diritti politici.
Avevano partecipato alle prime elezioni amministrative parziali e uno sparuto drappello di coraggiose era entrato nei primi Consigli Comunali,

13 donne su 430 membri indicati  dai  partiti erano entrate nella Consulta Nazionale.
Finalmente il 2 giugno 1946 ,70 anni fa ,le cittadine  italiane votavano e potevano essere votate per la formazione della prima assemblea legislativa nazionale del nostro paese, l'Assemblea Costituente.
Entrarono 21 donne ( il 3,7 dei costituenti) ,quasi tutte laureate ,tutte già politicamente attive nei partiti e/o nell'associazionismo  politicamente orientato.

Molte, attive nella Resistenza e nella lotta partigiana.
Due sole socialiste ,le due sole rappresentanti di un partito misogino.
Due insegnanti. Due coraggiose .

Una la grande Lina Merlin, era stata in prigione e al confino per la sua vivace e ininterrotta attività antifascista .
L'altra giovanissima, Bianca Bianchi professoressa di filosofia con grande fierezza, entrata in conflitto con i suoi superiori che volevano impedirle  di trattare il tema della grande cultura ebraica aveva lasciato Firenze e  accettato  un incarico di insegnante di lingua  italiana all'estero.

Caduto il fascismo .entrambe rientrate in Italia ,immediatamente iniziano la loro attività politica finalmente non clandestina,nel PSIUP.
Lina Merlin era già stata attiva nel PSI ,Bianca Bianchi ,di famiglia socialista ,aveva  frequentato il Partito d'Azione.
Entrambe colte ,collaborano con diversi giornali ,scrivono bene ,nelle assemblee i loro interventi riscuotono grande successo.

Alle elezioni del  2 giugno per la formazione dell'Assemblea Costituente ,Bianca Bianchi batte il capolista ,nientemeno che Sandro Pertini ,ottenendo il doppio delle preferenze.

E' giovane, bella, elegante. Seguendo un cliché che stenta ad essere abbandonato ,le cronache si occupano subito di lei.non peró per parlare del suo impegno ,del suo lavoro, ma piuttosto del suo abbigliamento dei suoi capelli biondi.
Quando parla per la prima volta in aula ,cosa che raramente i Gruppi parlamentari ,offrivano ,o permettevano  di fare alle donne (quando le donne erano tanto poche in Parlamento) ottiene un grandissimo successo.
Ma i giornali dell'epoca parlano del suo aspetto  fisico.

Non  entra a far parte del Comitato, dei 75 .Ne faranno parte,solo 5 donne ,alcune già componenti della Consulta.
Ma è brava ed attiva.Cosicché non le chiederanno di dimettersi ,come avrebbero voluto ,quando le avevano chiesto di firmare  ,prima delle elezioni ,una dichiarazione di dimissioni "in bianco".
Si occupa dei problemi della scuola,delle pensioni,e dell'occupazione.

L'argomento che piu' le sta a cuore é quello del "riconoscimento dei figli naturali".
Se si considera che  che la questione è stata parzialmente risolta solo con la Riforma del Diritto di Famiglia del 1975 e completata solo con la recentissima legge ,ben 70 anni dopo  ,si può apprezzare l'impegno antesignano di Bianca Bianchi che  tra l'altro su questo tema  ebbe fra i suoi più accaniti avversari personaggi del calibro di Giovanni Spadolini.

E qualche primo successo Bianca Bianchi lo ottenne nella prima legislatura repubblicana,
Eletta in Parlamento nelle liste del PSLi divenuto poi PSDI ,fondato  da Saragat dopo la scissione di Palazzo Barberini, con la presentazione di diversi progetti di legge riuscì a ridurre i casi di divieto di ricerca della paternità.
A differenza di altre costituenti che continuarono l'attività parlamentare per varie legislature,Bianca Bianchi non fu più rieletta.

Ma riprese con entusiasmo il suo impegno per la scuola, il suo impegno di scrittrice ,e rientrò  in politica quasi venti anni dopo ,eletta consigliera comunale e poi ViceSindaca a Firenze.

 
Rassegna stampa
   
Contatti
 

Fondazione Nilde Iotti
Via Asmara 26 00199 -  Roma
email: info@fondazionenildeiotti.it
IBAN: IT24A0335901600100000106337
Segreteria organizzativa:
lunedì, mercoledì, venerdì dalle 10.00 alle 14.30
telefono: +39.06.86.20.57.85
Cell. +39.366.41.37.546

   
 
   
  La Fondazione
Pubblicazioni
Iniziative
Formazione
Rassegna stampa Fondazione Nilde Iotti

www.fondazionenildeiotti.it
info@fondazionenildeiotti.it