Home | La Fondazione | Pubblicazioni | Rete delle Donne del Mondo | Rassegna stampa | Archivio Nilde Iotti  
   
   
 
 

Le leggi delle donne che hanno cambiato l'Italia. 
In libreria con Ediesse



E' uscito il volume curato dalla Fondazione Nilde Iotti ed edito da Ediesse che è stato presentato a Roma lo scorso14 ottobre alla presenza del presidente del Senato, del Ministro dell'Istruzione e di altre personalità della politica e della cultura. (vedi programma).

 

Ne hanno parlato:

Donna Moderna

Radio Articolo1

Fahrenheit su Radio Rai 3

L'Unità

Linea Notte su Rai 3

Power & Gender

Noi Donne

Quotidiano Sanità

Stile.it (La Stampa)

Il Fatto Quotidiano.it

Repubblica.it

Donna in Salute

Il Sole 24 Ore

YouDem.Tv

Rassegna Sindacale

Angeli press

Settimanale "F"

Leggendaria

Gr Parlamento

Il Risveglio



Se non ci fossero state le donne in questa nostra Repubblica, se non ci fossero state le loro tenaci battaglie di emancipazione e liberazione – condotte attraverso un intreccio fecondo di iniziative delle associazioni, dei movimenti, dei partiti, delle istituzioni – l’Italia sarebbe oggi un Paese molto più arretrato e molti articoli della Costituzione non sarebbero stati applicati. Questo debito che l’Italia ha nei confronti delle donne lo racconta in modo inedito questo libro scritto e curato dalle volontarie della Fondazione Nilde Iotti. Lo fa illustrando in modo rigoroso e semplice le tappe e i contenuti delle conquiste legislative - dall’inizio della Repubblica alla conclusione dell’ultima legislatura – che hanno cambiato la vita delle donne e l’assetto economico, sociale e culturale del nostro Paese.

Per capire quanto complesso sia stato il percorso che abbiamo alle spalle è importante ricordare alcune date: nel 1963 le donne possono finalmente accedere alla magistratura; dal 1968 l’adulterio femminile non è più considerato reato; dal 1970 è possibile divorziare; dal 1975 esiste parità tra i coniugi nel diritto di famiglia; nel 1978 viene approvata la legge sull’aborto e nel 1981 il “delitto d’onore” non è più riconosciuto nel diritto penale. Solo dal 1996 la violenza sessuale è reato contro la persona e non contro la moralità pubblica e il buoncostume. E solo nel 2012 si è completata la piena parità giuridica tra figli nati dentro e fuori del matrimonio. E resta ancora molto da fare. 

LE AUTRICI

Daniela Carlà, Tiziana Casareggio, Eleonora Cicconi, Marina Costa, Silvia Costa, Paola Gaiotti De Biase, Vanda Giuliano, Donata Gottardi, Rosa Jervolino Russo, Grazia Labate, Marisa Malagoli Togliatti, Claudia Mancina, Francesca Marinaro, Elena Marinucci, Vaifra Palanca, Rita Palanza, Daniela Piccione, Francesca Russo, Alessandra Tazza, Livia Turco. 

La Fondazione Nilde Iotti, donne, cultura, società vuole promuovere tra i giovani il messaggio della “eleganza” della politica che ci ha lasciato in eredità Nilde Iotti. Eleganza come cultura, apertura agli altri e alle altre, come servizio e promozione del bene comune. La formazione la memoria, la valorizzazione delle competenze femminili per il governo del paese, la convivenza tra italiane e immigrate sono le attività che la Fondazione svolte attraverso l’impegno volontario delle sue aderenti. 

Le leggi delle donne che hanno cambiato le donne Edizioni Ediesse
Pagine 240
Prezzo 14,00 euro
Vai alla scheda

 
Allegati
Il programma della presentazione del volume al Senato
La recensione del volume su "Donna Moderna"
L'articolo de L'Unità
Noi Donne
Il Sole 24 Ore
Rassegna sindacale
Settimanale F
Leggendaria
Il Risveglio
Rassegna stampa
   
Contatti
 

Fondazione Nilde Iotti
Via Asmara 26 00199 -  Roma
email: info@fondazionenildeiotti.it
IBAN: IT24A0335901600100000106337
Segreteria organizzativa:
lunedì, mercoledì, venerdì dalle 10.00 alle 14.30
telefono: +39.06.86.20.57.85
Cell. +39.366.41.37.546

   
 
   
  La Fondazione
Pubblicazioni
Iniziative
Formazione
Rassegna stampa Fondazione Nilde Iotti

www.fondazionenildeiotti.it
info@fondazionenildeiotti.it