Home | La Fondazione | Pubblicazioni | Rete delle Donne del Mondo | Rassegna stampa | Archivio Nilde Iotti  
   
   
 
  Le sette leggi  “dell’operosità e del riformismo femminile”
di Livia Turco


La sedicesima legislatura che si chiude è una di quelle più amare della storia della nostra Repubblica.
In questo contesto difficile, tuttavia, anche questa volta si è manifestata una operosità femminile, un riformismo concreto che ha portato all’approvazione di sette leggi importanti che vanno conosciute ed applicate.


La sedicesima legislatura che si chiude è una di quelle più amare della storia della nostra Repubblica. Per gli indirizzi di politica economica e sociale del governo di centro-destra, che non ha creato sviluppo, ha aumentato le tasse e ha ridotto fortemente gli interventi a sostegno della Sanità Pubblica, della scuola e dei servizi sociali, riducendo così le opportunità per tutti e per le donne in particolare. Una legislatura amara per il degrado della politica che ha mortificato il Parlamento come il ricorso alla compra-vendita dei voti, l’uso delle istituzioni per scambi sessuali e la riproposizione delle donne come corpi da esibire, la concessione dell’immunità parlamentare a persone gravemente e pesantemente indicate. Infine, la drammatica crisi economica e le dure ricette adottate dal Governo Monti per farvi fronte.
In questo contesto difficile, tuttavia, anche questa volta si è manifestata una operosità femminile, un riformismo concreto che, attraverso un’alleanza trasversale e in dialogo con le associazioni e i movimenti delle donne nella società, ha portato all’approvazione di sette leggi importanti che vanno conosciute ed applicate perché esse possono migliorare la vita delle persone ed umanizzare la nostra società.
Si tratta della legge contro lo stalking (23 aprile 2009, n.38), della legge per garantire l’accesso alle cure palliative ed alle terapie del dolore (15 marzo 2010, n.38), la legge che migliora la tutela del rapporto tra detenute madri e figli minori (21 aprile 2011, n.62), la legge che introduce le quote rosa negli organi di amministrazione e controllo delle società quotate in mercati regolamentati (12 luglio 2011, n.120), l’istituzione del Garante per l’infanzia e l’adolescenza (12 luglio 2011, n.112), la legge per la doppia preferenza nei Consigli Comunali che consente di promuovere la presenza di donne elette (23 novembre 2012, n.215), la riforma della filiazione che parifica i figli naturali e i figli legittimi e sancisce l’unicità dello statuto giuridico di figlio (10 dicembre 2012, n.219).
Queste sette leggi sono tutte di iniziativa parlamentare, tranne quella sullo stalking, presentata anche dal Governo.
Con la firma del Ministro degli Esteri, l’Italia ha ratificato il 19 dicembre 2012 la Convenzione 189 dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO) sul “lavoro dignitoso per le lavoratrici e lavoratori domestici”.
Livia Turco
 
Allegati
Scheda della legge sullo stalking
Testo della legge sullo stalking
Scheda della legge sulle cure palliative
Testo della legge sulle cure palliative
Scheda della legge sulle detenute madri
Testo della legge sulle detenute madri
Scheda della legge sulle quote rosa
Testo della legge sulle quote rosa
Scheda della legge sul garante per l'infanzia e l'adolescenza
Testo della legge sul garante per l'infanzia e l'adolescenza
Scheda della legge sulla doppia preferenza
Testo della legge sulla doppia preferenza
Scheda della legge sulla filiazione
Testo della legge sulla filiazione
Scheda sulla ratifica della Convenzione ILO
Convenzione
Rassegna stampa
   
Contatti
 

Fondazione Nilde Iotti
Via Asmara 26 00199 -  Roma
email: info@fondazionenildeiotti.it
IBAN: IT24A0335901600100000106337
Segreteria organizzativa:
lunedì, mercoledì, venerdì dalle 10.00 alle 14.30
telefono: +39.06.86.20.57.85
Cell. +39.366.41.37.546

   
 
   
  La Fondazione
Pubblicazioni
Iniziative
Formazione
Rassegna stampa Fondazione Nilde Iotti

www.fondazionenildeiotti.it
info@fondazionenildeiotti.it