Nilde Iotti
 
Dobbiamo rendere più umani i tempi del lavoro, gli orari delle città, il ritmo della vita. Dobbiamo far entrare nella politica l'esperienza quotidiana della vita, le piccole cose dell'esistenza, costringendo tutti - uomini politici, ministri, economisti, amministratori locali - a fare finalmente i conti con la vita concreta dalle donne.
   
1920-2020. Grazie Nilde
A cura della Fondazione Nilde Iotti
Vai allo speciale centenario
Nilde Iotti 1920-2020
La signora della repubblica
Vai allo speciale centenario
La Bella Politica
Seconda edizione 2020

&


11-05-2020

Agricoltura, uno strumento per ripensare il nostro futuro, di Susanna Cenni

Questa crisi pandemica ha rimesso in fila alcune priorità nelle nostre vite, a partire dal diritto alla salute e dal diritto al cibo, a una buona alimentazione. La sicurezza della cura ci è stata garantita, nonostante i tagli pesanti di questi anni, da un sistema sanitario nazionale pubblico ed universale. La sicurezza alimentare da un mondo agricolo, piccolo e grande, che non si è mai fermato garantendoci approvvigionamento


&


07-05-2020

Potere, tempo, lavoro: il cambiamento delle donne, di Cecilia D’Elia

La posta in gioco è un cambio di civiltà. Redistribuire il tempo tra uomini e donne, promuovere condivisione, liberare energie femminili, riconoscere l’autorevolezza e il contributo della generalità delle donne, contrastare il divario retributivo, promuovere l’occupazione femminile. 


&


07-05-2020

”Cara Giovanna, grazie di cuore per il modo con cui hai reagito ai violenti e volgari attacchi di questi giorni”

Grazie amiche e compagne della Fondazione..
intitolata ad una donna che ci ha insegnato molto, e molto continua ad insegnarci.

Giovanna Botteri


&


04-05-2020

Nilde Iotti...un Cavaliere pieno di coraggio/sempre pronto a rimettersi in viaggio, di Elena Montecchi

Rispondo così, citando Gianni Rodari, a chi mi chiede chi era Nilde Iotti.


&


01-05-2020

Costruire un nuovo umanesimo, di Livia Turco

La diffusione del Covid-19 invisibile ed impalpabile eppure mortale ci ha fatto sentire che non siamo onnipotenti ma fragili. La scoperta della fragilità è l’esperienza che stiamo facendo. Che non dobbiamo vivere solo come debolezza o come condizione passeggera ma come la restituzione della nostra reale condizione di esseri umani, la reale condizione della nostra umanità. Dobbiamo elaborare questa condizione di fragilità per capire cosa significhi e far scaturire da essa nuovi pensieri, nuovi paradigmi con cui guardare il mondo. 


&


30-04-2020

Per le donne dove non c’è libertà non c’è scelta, di Andrea Catizone

La donna deve essere messa nella condizione di poter scegliere e non di dover essere obbligata a scegliere: dove non c’è libertà non c’è scelta. La pandemia da Covid-19 ci ha quindi crudelmente offerto questa nuova opportunità di ripensare ai tempi del lavoro e della vita...


&


29-04-2020

Ecco perché, da medico in pensione, ho deciso di dare una mano rispondendo alla chiamata della Protezione Civile, di Monica Bettoni

Non ho risposto alla chiamata per andare al fronte a combattere una guerra, come è stato impropriamente detto. Ma, di certo, sono andata con emozione, timore e consapevole di tutti i miei limiti, ad affrontare una situazione inedita e sconosciuta, al solo scopo di curare e/o aiutare a curare, o almeno a tentare di farlo. Perché questo un medico fa. Accorre e soccorre. A 25 anni, quando si è freschi di studi, a 50, nel pieno dell’esercizio della professione, a 70 quando si sono tirati i remi in barca e si ha un bagaglio con varie esperienze


&


29-04-2020

Pensiero di una cittadina con una doppia appartenenza, di Maria José Mendes Évora

Convinta della mia doppia appartenenza, aggiungo: non c’è Mondo che tenga, se non attraverso un nuovo modello, ovvero il modello rivolto alla Convivenza e all’Unità/Unione. Questa sarà una delle sfide per il prossimo futuro onde poter lasciare un Mondo migliore ai nostri figli e tale sfida dipenderà dalla sana intelligenza Umana. 


&


29-04-2020

Le 15 proposte per la giustizia sociale del Forum Disuguaglianze Diversità

Le 15 proposte presentate in questo Rapporto si concentrano sulle disuguaglianze di ricchezza, privata e comune. Esse
mirano a modificare i principali meccanismi che determinano la formazione e la distribuzione della ricchezza: il cambiamento tecnologico, la relazione fra lavoratori e lavoratrici e chi controlla le imprese, il passaggio generazionale della ricchezza stessa.

Scarica il documento


&


29-04-2020

Un bonus per far ripartire la cultura

Promuovere la cultura come “strumento essenziale per il rilancio del sistema paese”. La richiesta arriva dall'Associazione delle Istituzioni di cultura italiane (AICI), che comprende 120 tra fondazioni e istituti culturali, in concomitanza con l'assemblea dei suoi soci, che si è svolta via web, martedì 28 aprile.


&


28-04-2020

Siamo un Paese di vecchi, prendiamo finalmente atto, di Grazia Labate

La questione dunque che oggi si ripropone con più urgenza è dunque come ripensare i modelli assistenziali di RSA e come costruire una forte rete di domiciliarizzazione, a diversa intensità di cura, rivedendo modalità operative, contesti di accoglienza (cohousing o altre esperienze), integrazione sociale e sanitaria in rapporto ai fabbisogni reali della persona. Occorre far presto però.


&


27-04-2020

I nostri vecchi borghi, di Alessandra Tazza

Oggi in Italia su circa ottomila comuni ce ne sono 5.800 sotto i 5mila abitanti e di questi oltre 2.000 sono in stato di abbandono. Lo spopolamento si vede ormai ad occhio nudo come il ritiro dei ghiacciai sulle nostre montagne. Nel mio stesso paesino in Umbria, che certo non si può definire abbandonato, stringe il cuore vedere quante case non siano più abitate, quanti cartelli “vendesi” di quelle che erano seconde case ci sono in giro, quanti giovani sono andati via per ragioni di lavoro o anche per semplice comodità.


&


25-04-2020

25 aprile. Il messaggio del Presidente della Repubblica: “Rinasceremo come allora”

“Cari concittadini, la nostra peculiarità nel saper superare le avversità deve accompagnarci anche oggi, nella dura prova di una malattia che ha spezzato tante vite. Per dedicarci al recupero di una piena sicurezza per la salute e a una azione di rilancio e di rinnovata capacità di progettazione economica e sociale. A questa impresa siamo chiamati tutti, istituzioni e cittadini, forze politiche, forze sociali ed economiche, professionisti, intellettuali, operatori di ogni settore”.


&


24-04-2020

25 aprile. La Resistenza in Basilicata e la Repubblica di Meschito, di Lucia Sileo

Una timida ripresa dell’ attività politica, in Basilicata, si registrò già a partire dal 1942, quando gli esponenti delle forze antifasciste attive nel periodo liberale ricominciarono ad incontrarsi fra loro. Nel giugno 1942 i socialisti Vincenzo Torrio e Oreste Lizzadri iniziarono a riorganizzare il Psiup nella clandestinità. Una trattazione maggiormente approfondita merita l’istituzione della “Repubblica” di Maschito che durò una ventina di giorni prima di essere sciolta dagli alleati...


&


23-04-2020

25 aprile. Le donne nella Resistenza

La «Resistenza taciuta». Non si deve nascondere che, per decenni, a livello storiografico ed istituzionale l’apporto delle donne alla Resistenza non è stato mai adeguatamente riconosciuto, rimanendo relegato ad un ruolo secondario, che scontava "di fatto" una visione in cui anche la Lotta di Liberazione veniva "declinata" al «maschile».

 

Le donne medaglia d'Oro


&


23-04-2020

25 aprile. “Bandite”, il documentario sulle donne della Resistenza in streaming gratuito fino al 26 aprile

Dal 20 aprile e fino al 26 è possibile vedere gratuitamente in streaming su OpenDDB questo autentico racconto corale di donne che, di diverse estrazioni sociali, culturali e politiche, presero parte all’unanimità a una lotta che andava ben oltre la liberazione dal nazifascismo e che segnò un momento decisivo nel percorso di emancipazione femminile.


&


21-04-2020

25 aprile. La Scelta - I partigiani raccontano, con Gad Lerner. Da lunedì alle 20.20 su Rai3

"Io sono diventata antifascista all'età di 9 anni, per certe ingiustizie che mi venivano imposte a scuola e che somigliavano all'autoritarismo fascista."


&


20-04-2020

25 aprile. Vorrei dire ai giovani...Gina Borellini un'eredità di tutti

Sabato 25 aprile il film sulla partigiana modenese eletta nel primo parlamento repubblicano nel 1948


&


19-04-2020

25 aprile. La storia di Alice Noli, di Grazia Labate

Alice Noli, una ragazza esemplare perché in sé aveva gli elementi più belli delle donne della Resistenza: il coraggio, la nobiltà di pensiero e la consapevolezza di quanto le azioni del singolo possano influire positivamente sugli uomini e sulla Storia. 


&


18-04-2020

Costruire la "comunità competente". Sì all'obbligatorietà del servizio civile, di Livia Turco

Il Servizio Civile Universale e obbligatorio sarebbe una grande politica che aiuta la promozione delle competenze dei giovani nei beni comuni, a costruire concretamente la comunità e il welfare universalistico e comunitario. Darebbe un volto nuovo alla democrazia e avrebbe un grande valore simbolico. Si può tornare a discuterne?

1920-2020. Grazie Nilde
A cura della Fondazione Nilde Iotti
Vai allo speciale centenario
Nilde Iotti 1920-2020
La signora della repubblica
Vai allo speciale centenario
La Bella Politica
Seconda edizione 2020
“L’Italia delle donne. Settant’anni di lotte e di conquiste”. Un'opera collettiva da consegnare alle giovani generazioni di Vittoria Franco

Considero quest’opera collettiva un dono da consegnare alle giovani generazioni, donne e uomini. Dentro non c’è soltanto la storia delle donne più o meno remota; ci sono le donne contemporanee che hanno fatto la storia recente, protagoniste e testimoni, che vogliono preservare i valori fondamentali della convivenza civile, salvaguardare i diritti conquistati e i passi avanti realizzati, premessa indispensabile per realizzarne di nuovi...


Grazie alle nostre Madri Costituenti

Molto poco sono conosciute le Nostre Madri Costituenti ed il prezioso lavoro svolto nella stesura della Costituzione e per la sua applicazione.
La Fondazione Nilde Iotti ha dedicato molto impegno per promuovere la loro conoscenza ed il valore e l'attualità del loro messaggio.
Trovate qui sul sito materiali preziosi e l'indicazione dei due libri da noi elaborati.
I due video realizzati da Elena Luviso che qui vi proponiamo aiutano a diffondere la conoscenza ed il messaggio delle 21 Costituenti con la modernità della comunicazione.Che avvicina in particolare ai giovani.
Buona visione.


Le Donne e le nuove sfide della democrazia. Video

Un bellissimo ricordo di una giornata passata insieme!
La raccolta delle reòazioni che si sono svolte nel convegno.


Grazie a tutte e tutti!


Donne, terra, alimentazione, clima

Il materiale e i video degli interventi dell'incontro "Pane Quotidiano" organizzato dalla Fondazione Nilde Iotti a Roma all'Auditorium G. Avolio il 2 marzo 2017

Il materiale degli interventi dell'incontro "L'agricoltura delle donne. Per una nuova idea di crescita" organizzato dalla Fondazione Nilde Iotti al centro congressi di Eataly, 11 aprile 2013

Report: "Le donne in agricoltura"

Video: "Risparmiare il suolo" (L'esperienza di Matilde Casa)


Il sorriso di Giglia. Il video integrale del connvego. I messaggi di Fassino e Veltroni. L'ìintervento di Marisa Rodano
Ricordo di Giglia Tedesco a dieci anni dalla morte. L'incontro si è svolto a Roma giovedì 16 novembre.   Leggi il programma del covegno promoso dalla Fondazione Nilde Iotti     Il video del convegno da Radio Radicale
Le madri della Repubblica
La storia delle 21 donne che hanno scritto la Carta Costituzionale

La Fondazione Nilde Iotti  in occasione del Settantesimo anniversario del voto alle donne  vuole rendere onore alle Madri della nostra Repubblica, le 21 donne Costituenti  che hanno partecipato alla elaborazione della Costituzione, facendo conoscere di ciascuna  la biografia ed il contributo dato alla stesura degli articoli della Costituzione.


La bella politica

Tratto dal libro della Fondazione Nilde Iotti "Le leggi delle Donne che hanno cambiato l'Italia". Il video è promosso dalla Provincia di Perugia in collaborazione con la Fondazione Nilde Iotti. Progetto e testo di Lorena Pesaresi. Voce fuori campo di Isabella Giovagnoni Si ringrazia la Promovideo che ha realizzato il video a titolo gratuito.


Sedici anni senza Nilde Iotti

Sedici anni fa ci lasciava Nilde Iotti. Ho ancora vivissimo negli occhi il ricordo delle migliaia di persone, donne e uomini semplici , autorità e rappresentanti  di tutte le forze politiche, che vennero a salutarla in quella che è stata la sua vera casa: il Parlamento. Donne e uomini che piangevano l’autorevole Presidente della Camera, la Presidente di tutti, ma anche la compagna, l’amica delle donne,l’amica delle persone semplici.


Diario di un viaggio

I primi cinque anni della Fondazione Nilde Iotti nel filmato di Emanuela Piovano.


Nilde. Un ritratto appassionato di un grande giornalista
che l'ha conosciuta da vicino
Una biografia inedita, in esclusiva per il sito della Fondazione Iotti, scritta da Giorgio Frasca Polara, il giornalista de l'Unità che l'ha conosciuta molto bene e che ne è stato il portavoce durante la sua presidenza della Camera.
Omaggio a Nilde Iotti

Video omaggio a Nilde Iotti in occasione della nascita della Fondazione Nilde Iotti a Piacenza


FONDAZIONE NILDE IOTTI

Via Flaminia 53 (sesto piano)
00196 - Roma
email: info@fondazionenildeiotti.it
telefono: +39.06.86.20.57.85